gruppo di lettura, talking about

GRUPPI DI LETTURA | Cosa, come, quando e perché partecipare.

bookclub

Oggi parliamo un po’ di gruppi di lettura: che siano fisici o virtuali, vi spiego in breve perché dovreste prendere seriamente in considerazione l’idea di partecipare e i benefici che ne derivano. È vero, le statistiche dicono che in Italia nessuno legge, ma vi assicuro che le persone che leggono esistono e se cercate bene vi si schiude un mondo di lettori davvero attivo.

Che cos’è un gruppo di lettura? Nient’altro che un gruppo di persone eterogeneo che decide di leggere un determinato libro in un determinato lasso di tempo e decide poi di discuterne trama e temi dando vita a dei veri e propri dibattiti letterari.

Perché dovreste provare a partecipare? Ho individuato principalmente tre motivi: fare parte di un gruppo di questo genere stimola la lettura e sprona ad affrontare argomenti che apparentemente possono non interessarci e ad uscire dalla nostra comfort zone letteraria avvicinandoci a libri che spesso finiscono per piacerci e ci spingono a ricercarne qualcuno dello stesso stampo e che affronti le stesse tematiche. Se, come me, avete tanto da dire, ma vi fate prendere dalla timidezza, i bookclub online sono perfetti per esternare i vostri pensieri e argomentarli. Spesso questo aiuta anche a riordinare i vostri pensieri e a capire cosa effettivamente vi è piaciuto del libro, che cosa non ha funzionato, che cosa avrebbe potuto fare l’autore per conquistarvi. Insomma, ad affrontare la lettura con un occhio un pelo più critico. Se vi dilettate nelle recensioni, i gruppi di lettura con le loro discussioni sono perfetti: ogni partecipante apporta un contenuto personale e capita che qualcuno colga una sfumatura che a voi è sfuggita. In questo senso, lo scambio di idee ed opinioni aiuta moltissimo anche a creare una community solida attraverso una socializzazione costruttiva. Ultimo, ma non per importanza, un gruppo di lettura aiuta moltissimo a smaltire la pila di libri da leggere. Sembra una cosa stupida, ma non lo è. Le scelte dei gruppi di lettura spesso ricadono su libri che già possediamo nella nostra libreria e ci forniscono finalmente l’opportunità di recuperarli facendoci tornare lo stesso entusiasmo di quando li abbiamo comprati che poi si è affievolito col passare del tempo.

Da gennaio ad oggi, ho partecipato ben a quattro letture condivise:

Il giardino segreto di F. H. Burnett (Jo’s Readers squad) – recensione qui

Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood (Gibbisquad) – recensione qui

Una stanza piena di gente di Daniel Keyes (L’ora del libro)

4321 di Paul Auster (mhannodettodifareunblog) – in corso

Queste quattro bookbloggers/booktubers indicono ogni mese un sondaggio in cui potete esprimere le vostre preferenze in merito ai libri proposti, che spesso hanno in comune un tema o comunque un filo conduttore. Non siete obbligati a partecipare, io stessa esprimo la preferenza solo nel caso in cui sia già in possesso di almeno uno dei libri proposti, mentre mi astengo nel caso in cui io li abbia già letti tutti, a meno che non voglia affrontare una rilettura.

Voi che cosa ne pensate dei gruppi di lettura? Partecipate a queste iniziative? Avete altri gruppi di lettura da segnalare? Se sì, lasciate i suggerimenti in un commento!

Annunci
Standard

Una risposta a "GRUPPI DI LETTURA | Cosa, come, quando e perché partecipare."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...