anemone ledger, bilancio di lettura, brandon sanderson, consigli di lettura, l'ombra dello scorpione, libri, mistborn, programma affiliazione amazon, red rising, rick yancey, stephen king, the monstrumologist

BILANCIO LETTURE 2017 #2 – MOST SURPRISING BOOKS OF THE YEAR

Come promesso, ecco il secondo articolo di quattro che ho deciso di dedicare al bilancio delle mie letture. Se vi siete persi il primo, cliccando qui verrete rimandati al post in cui vi parlo dei libri che mi sono piaciuti, ma che per un motivo o per un altro mi hanno lasciato un po’ di amaro in bocca. In questo post invece leggerete di quei libri per cui avevo aspettative molto basse e invece si sono rivelati molto piacevoli, sorprendenti.

  • Red Rising, Pierce Brown — Si tratta di una delle ultissime letture di quest’anno che ho affrontato quasi arrendendomi all’idea che ancora una volta fossi stata trascinata dall’hype generato dai social media. Se è finito in questa categoria è perché mi sono ricreduta. Red Rising è uno young adult distopico, con tutti gli elementi tipici del genere (nonché i clichés), che pur non presentando elementi innovativi, ha dalla sua parte molta imprevedibilità che rinnova l’interesse del lettore e lo incuriosisce. Pierce Brown è stato in grado di creare un universo ben curato e il sistema di caste in cui ha diviso i suoi abitanti è sicuramente interessante. (Recensione)
  • Il serprente dell’Essex, di Sarah Perry —L’acquisto di questo libro è stato dettato puramente dalla copertina bellissima e ammaliante come la storia che contiene. La trama si basa una credenza popolare del diciassettesimo secolo che la Perry ricolloca più tardi nel fittizio villaggio di Aldwinter (Essex) sotto le sembianze di un fantomatico serpente leggendario. La storia è punteggiata di scomparse e misteriose morti attribuite alla creatura e rappresenta benissimo lo scontro tra scienza e religione, tra superstizione e fede. Si legge in brevissimo tempo, i personaggi sono eccezionali, così come gli importanti accenni storici e politici e alle grandi scoperte che caratterizzarono l’era Vittoriana così come l’ossessione per l’occulto e il soprannaturale. I paesaggi descritti sono pittoreschi, quasi surreali e l’elemento mistico la fa da padrone.
  • L’ombra dello scorpione, Stephen King — Dopo i molti bassi che hanno caratterizzato il mio rapporto con Stefano Re, finalmente un altissimo, levissimo, purissimo. Un viaggio intenso e lungo 929 pagine in un mondo post-apocalittico in cui bene e male si combattono costantemente. (Recensione)
  • Mistborn, Brandon Sanderson — Adult fantasy a livelli altissimi. L’aspettativa che mi ero creata per Brandon Sanderson è stata altamente ripagata. In alcune parti il libro è un po’ lentino, ma la trama non è banale, il mondo costruito è fantastico e il sistema magico basato sul controllo dei metalli è unico. Sicuramente continuerò con la serie e leggerò qualcos’altro di suo.
  • L’insana improvvisazione di Elia Vettorel, Anemone Ledger — Unico libro di un’autrice emergente che ho letto quest’anno, si tratta di un thriller psicologico ben costruito, quasi una fiaba dark che riprende le migliori tradizioni del genere in cui la follia fa da filo conduttore per tutto il romanzo. (Recensione)
  • The monstrumologist, Rick Yancey — Un teen young a tinte horror narrato con l’espendiente del diario e ricchissimo di azione. Si viene risucchiati nella storia attraverso il diario personale del protagonista e tutto questo ha l’effetto di dare veridicità al fantastico e di coinvolgere il lettore. Vi farà pizzicare la pelle e venire i brividi e a tratti lo troverete raccapricciante, ma ne vale la pena! (Recensione)

Questi erano tutti i libri che mi hanno piacevolmente sorpresa quest’anno. C’è qualche libro per cui avevate aspettative basse e vi ha invece colpito e costretto a riconsiderare l’autore e i vostri pensieri in merito? Fatemelo sapere in un commento! A presto!

Annunci
Standard

4 risposte a "BILANCIO LETTURE 2017 #2 – MOST SURPRISING BOOKS OF THE YEAR"

  1. Pingback: BILANCIO LETTURE 2017 #3 – WORST BOOKS | usquequaque

  2. Pingback: BILANCIO LETTURE 2017 #4 – BEST BOOKS | usquequaque

  3. Rick Yancey! Ho adorato “la quinta onda”, sto leggendo il secondo della trilogia e mi sta abbastanza deludendo, speriamo migliori… non avevo mai sentito parlare di quest’altro libro che citi (scrivo dal telefono e il nome mi sembra una bestemmia, on ho la forza di tornare su e copiarlo qui, ha una certa età il mio telefono dopotutto XD) però potrei provare a leggerlo: lo stile di questo autore è diretto e senza troppi fronzoli inutili, nonostante la semplicità è godibilissimo.
    Di mistborn e red Rising ne ho sentito parlare fino allo sfinimento, prima o poi li leggerò, lo giuro! Ahahah
    Spulcerò tra le tue recensioni tra un ripasso e l’altro per gli esami 😉

    Mi piace

    • usquequaque ha detto:

      La saga di Monstrumology l’ho trovata molto molto più stimolante, divertente e ben costruita de La quinta onda che invece non ho proprio sopportato e infatti ho abbandonato. Ti consiglio vivamente Mistborn, ne vale la pena! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...